IAA Italy Chapter   ha organizzato l’incontro su  “Leadership Inclusiva“,  in collaborazione con Google e con SheTech, presso la sede di in Via Federico Confalonieri, 4 a Milano. L’evento si inserisce all’interno del pillar “Uniqueness and Inclusion di IAA Italy”, programma che mira alla diffusione di una cultura inclusiva a favore della diversita’ e unicita’.
il pomeriggio dedicato alla parità di genere, agli stereotipi e ai doppi standard di genere ha preceduto la pubblicazione del rapporto  il Global Gender Gap Report 2022”  che riporta la situazione in  146 paesi nel mondo, “e fornisce uno strumento utile per la comparazione tra le varie identità nazionali, oltre che una prioritarizzazione sulle politiche e le pratiche più efficaci per ridurre le disuguaglianze – come si legge su Valore D. Il benchmark è basato su quattro dimensioni chiave (la partecipazione e l’opportunità economica, lo sviluppo educativo e d’istruzione, la salute e il benessere, e infine l’empowerment politico) che tracciano e delineano la strada da percorrere per il progresso nell’uguaglianza di genere. Al ritmo attuale, ci vorranno 132 anni per raggiungere la piena parità tra i generi. Questo rappresenta un leggero miglioramento di quattro anni rispetto alla stima del 2021 (136 anni per la parità).  Tuttavia, non compensa la perdita che si è verificata tra il 2020 e il 2021: secondo le tendenze precedenti al 2020, il divario tra i generi si sarebbe dovuto colmare entro 100 anni. Il punteggio del nostro Paese è rimasto pressoché uguale all’anno precedente, e si posiziona al 63° posto della classifica mondiale, lontano dagli altri maggiori Stati europei. Islanda, Finlandia e Norvegia ricoprono le prime posizioni, mentre la Germania si è posizionata decima, la Francia 15esima e la Spagna 16esima, l’Italia è subito dopo l’Uganda e lo Zambia, appena prima della Tanzania”.

Quindi che ben vengano occasioni come questa di IAA Google e SheTech per parlare di cos’e’ la leadership inclusiva e perché dobbiamo volerla.

Intanto Alessandra Migliorino, senatrice M5S ha proposto un emendamento al nuovo regolamento all’esame di Palazzo Madama che prevede di aggiungere nelle comunicazioni istituzionali i nome dei ruoli e funzioni declinate al femminile: senatrice – ministra – la presidente.

Articolo precedenteFagoterapia Lab: Startup per vincere l’antibiotico resistenza
Articolo successivoELisa Giomi: “Agcom sportello di cittadinanza per un pubblico detentore di diritti civili e democratici”
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.