L’Europa che sogniamo è il contest in cui i giovani delle scuole di tutti Italia sono stati chiamati ad esprimersi sull’Europa, nell’ambito della settimana di incontri, condivisione e riflessione sull’Europa che è  stato il Festival d’Europa 2022, progetto cofinanziato dal Parlamento Europeo, nell’ambito delle azioni rivolte al coinvolgimento dei cittadini dell’UE.

“Una cosa è certa: per la prima volta si è parlato di Erasmus e competenze digitali (nel campo cyber e nel campo AI) grazie alla Rappresentanza della Commissione Europea  in Italia – dice Vittorio Calaprice Analista politico della Rappresentanza”.

Con Vittorio Calaprice sono stati premiati i ragazzi vincitori del contest L’Europa che sogniamo  che è stato anche il progetto dedicato per  i 35 anni di Erasmus.

Nelle parole e nelle immagini viste e sognate dai ragazzi si vede quella che è l’Europa che vorremmo davvero si concretizzasse in un messaggio sempre più forte di coesione, di solidarietà e di pace.

Vittorio Calaprice sottolinea che grazie a Erasmus i giovani fanno esperienza di vita in una nazione diversa e che i video presentati hanno il pregio di sintetizzare cosa  si aspettano gli studenti dall’Europa e come la vorrebbero. “I ragazzi coinvolti nel progetto andranno a Bruxelles  – precisa Vittorio Calaprice –  perché vogliamo offrire loro anche l’opportunità di vedere le istituzioni da vicino. Questa è un’opportunità e mi auguro che questa iniziativa possa continuare e sia accolta da sempre più studenti delle scuole italiane”.

Di Intelligenza Artificiale ha parlato il presidente dell’Associazione Intelligenza Artificiale italiana Piero Poccianti che mi ha parlato del progetto RApP (Ragazzi e Ragazze Apprendono tra Pari), dedicato agli studenti e alle studentesse della Scuola Secondaria di secondo grado (ma  ormai aperto anche al primo grado) che prevede percorsi di apprendimento tra pari sulle ricadute sociali della trasformazione digitale. I giovani sono dunque protagonisti in questa mutazione che ci avvolge.

“L’Intelligenza Artificiale al servizio dei giovani cittadini europei” questo il titolo del suo intervento che ha trattato dell’evoluzione della macchina intelligente, delle tappe più importanti e delle sfide che ancora sono da affrontare. L’etica è quella più importante.

Articolo precedenteUcraina: sussulti negoziato dopo quaresima diplomazia
Articolo successivoCon Ars Electronica rinasce l’era leggendaria dei samurai a Berlino
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.