Con Marco Bardazzi ho discusso di implementazione dei contenuti quando a La Stampa ha inserito l’AR-Code nell’edizione cartacea. Un codice che permette di legare carta e realtà aumentata. “La parola chiave del momento al giornale è contaminazione” raccontava a Media Duemila da digital editor de La Stampa.
Marco Bardazzi, 47 anni, dal 16 febbraio è Executive Vice President della Comunicazione esterna di Eni. Arriva, appunto, dal quotidiano “La Stampa”, dove era Caporedattore Centrale e Digital Editor ed è professore a contratto di “Tecniche avanzate di scrittura giornalistica” al Master di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Nel comunicato diffuso dall’Eni si legge: “L’azienda rafforza la comunicazione delle proprie attività globali, puntando sulle opportunità innovative offerte dal digitale per rendere ancora più ampio, capillare e trasparente il rapporto con i propri stakeholder, i media e l’opinione pubblica”.
Bardazzi, negli oltre cinque anni trascorsi a Torino, ha avuto un ruolo di primo piano nell’ideazione e realizzazione del progetto innovativo e all’avanguardia a livello europeo per lo sviluppo dell’informazione digitale de “La Stampa”. In precedenza, ha trascorso quasi 10 anni negli Stati Uniti come corrispondente dell’Agenzia ANSA. Negli USA ha seguito tra l’altro tre campagne presidenziali, l’attacco all’America dell’11 settembre 2001, le guerre in Afghanistan e Iraq, la rivoluzione digitale guidata dalle aziende della Silicon Valley e ogni aspetto dell’evoluzione dell’economia e del costume nel Paese.

Maria Pia Rossignaud

Articolo precedente#TIMgirlsHackathon: a lezione di Web consapevole e cyberbullismo
Articolo successivoFerrero: premio Nostalgia di Futuro 2011
Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Membro del comitato direttivo degli Stati Generali dell'Innovazione. Da gennaio 2015 è Digital Champion del comune di Vico Equense.