Derrick ha commentato il nostro incontro di martedì su McLuhan: tracce del futuro così: “Media Duemila si colloca fra la ricerca e la vita. La ricerca troppo spesso è completamente fuori della vita. La vita non ha la più pallida idea di quanto la ricerca produce, dunque Media Duemila è lo strumento giusto per creare un ponte fra le due realtà. Noi siamo al centro, a metà strada tra vita e ricerca perché siamo interessati alla politica, al commercio, alle imprese, alla scuola, all’università. Ci indirizziamo a tutti i leader che vogliono capire cosa succede nel presente, ma anche a tutti i giovani ed i meno giovani che a vario titolo vogliono vivere da protagonisti il presente”. Gli atelier di intelligenza connettiva sono stati l’esempio di come esperienza, professionalità e ricerca insieme possono creare valore. Il registro delle opposizioni spiegato da Mario Frullone come esempio di quanto è importante fare divulgazione affinché i cittadini conoscano i proprio diritti nell’era digitale. Su Affari e Finanza di Repubblica una intervista al direttore FUB spiega l’albo che regola le chiamate promozionali. Il prossimo numero di Media Duemila conterrà un Quaderno dedicato a questa prassi poco conosciuta ma determinante nel mondo moderno.

 

Un grazie particolare a tutti coloro che sostengono la nostra battaglia culturale con l’Osservatorio TuttiMedia. In particolare a Ansa, Eni, Fieg, Telecom, Fondazione Ugo Bordoni, Publitalia, Upa, Sipra, Sapienza, che hanno permesso la realizzazione degli atelier di intelligenza connettiva del pomeriggio. Ad Alitalia per il supporto nei trasferimenti intercontinentali.

Articolo precedenteMarshall McLuhan Cento anni: “Tracce del futuro” Cronaca della giornata e rassegna stampa
Articolo successivoStrategia digitale europea: una media da 6+, ma insufficienze in qualche materia