Moses Znaimer, leader di Zoomer, media company di successo a Roma per il premio Nostalgia di Futuro ha approfondito l’attualità tragica che lega questi giorni all’atto terroristico di Parigi con Alessandro Banfi, Tgcom24. Lunedì la trasmissione sarà in onda sul canale Mediaset. Sugli attentati Moses Znaimer dice: “L’informazione oggi è ovunque, i media hanno la responsabilità di creare opinioni corrette rispetto agli avvenimenti, a nulla servirebbe oscurare o fornire notizie parziali. In passato era possibile scegliere cosa pubblicare, la moltiplicazione dei canali informativi ha reso ciò impraticabile”. La settima edizione del premio Nostalgia di futuro ci ha dato l’opportunità di discutere anche di attualità ed informazione oltre che di fornire un quadro puntuale sullo stato dell’arte della Rete e le differenze ( a volte minime) fra nativi digitali e senior digitalizzati. Grazie a Silvio Siliprandi di GFK, che con la sua ricerca ci ha fornito preziosi segnali deboli utili a costure in futuro.

 

Articolo precedenteNuove sfide per gli editori e per i professionisti della comunicazione
Articolo successivoIAI compie 50 anni: più Italia in Europa e nel Mondo
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell Il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina pass all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente Universitaria alla Sapienza e alla LUISS.