IdeaCity è alla diciassettesima edizione, la conferenza annuale è considerata in Canada “L’incontro delle menti”. L’appuntamento di Moses Znaimer non ha rivali, il tycoon della televisione canadese è stato con noi in novembre quale protagonista della scorsa edizione del premio Nostalgia di Futuro,  sono con lui, condivido con una platea gremita (nonostante il costo del biglietto) le idee e l’opera delle menti più brillanti del pianeta.  Gli imprenditori visionari,  gli artisti,  gli attivisti  sono promotori della nuova  cultura basata sulla condivisione. Infatti la social innovation è protagonista a tutto tondo, ecco perché nel corso degli anni IdeaCity si è distinta per la completezza del panorama che regala. John Battelle, esperto di media e fondatore di numerose compagnie nel mondo dell’informazione è per me lo speaker più atteso. Il suo blog: “Riflessione sull’interazione del mondo dei media, della tecnologia e più”  è un punto di riferimento. Presenta Allen Lau CEO e co-founder di WattPad il cui scopo è capire i nuovi modi di condividere storie. “Oggi siamo ad una svolta possiamo produrre capitoli di storie – dice – che la gente legge in metropolitana, dunque brevi. Il seguito viene ad un mometo dato senza una cadenza preconfezionata”. IdeaCity aiuta a comprendere l’attualità. Quest’anno il benessere condiviso è priorità per ogni azienda che presenta il suo business. Le storie sono tante, le racconterò.

alt= "Moses Znaimer"

Articolo precedenteYes WE_STEM – ebook WISTER per sconfiggere il divario digitale nel mondo del lavoro ICT dove le donne sono meno del 20% della forza complessiva
Articolo successivoSassoli (UPA): “Pubblicità +4,8% ad aprile”
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.