In Italia le donne che ricoprono ruoli apicali in azienda sono solo il 17% (in Europa il 19%) e quelle che ricoprono il ruolo di CEO sono solo il 3% (in Europa il 7%).

Per spingere economia e benessere della nostra società è fondamentale accelerare il cambiamento verso una sempre maggiore presenza delle donne nel mondo del lavoro e una loro maggiore rappresentanza nelle posizioni di leadership. A fronte di ciò nasce CEO FACTORY, il nuovo grande progetto di GirlsRestart, una delle community più attive nella valorizzazione e nel potenziamento del contributo femminile nel mondo del lavoro. Un programma di mentorship di alto livello, unico nel suo genere, in cui più di 100 CEO delle più importanti aziende del panorama italiano e appartenenti a industry diverse (tra cui tech, beauty, banking, telecomunicazioni, entertainment, pharma, consulenza, servizi, distribuzione, food, energy, HR e altri) saranno i mentori di Donne di talento che aspirano ad essere le leader del futuro in aziende ed organizzazioni. Le sessioni di mentorship dureranno per sei mesi, tra settembre 2022 e febbraio 2023.

Che i leader di oggi debbano impegnarsi a pareggiare l’equilibrio di genere è anche un’aspettativa emersa nell’Osservatorio “Donne e Mondo del lavoro” a cura di Lattanzio KIBS, ricerca quantitativa su più di 300 donne.

Secondo la ricerca, i leader oggi devono costruire un clima di fiducia (il 52% dichiara che “un leader deve saper motivare ispirando fiducia”) e apertura (il 48% sostiene che il leader deve “saper ascoltare attivamente i collaboratori”), lasciando liberi i propri collaboratori di esprimere il loro valore aggiunto e portare il proprio contributo. Secondo le rispondenti, i leader oggi devono essere sempre più capaci di prendersi cura dei team e farsi carico concretamente della crescita dei propri collaboratori (43%).

Un altro elemento molto sentito è la meritocrazia, “garante” dell’equità di genere: premiare il merito e riconoscere il valore delle persone è sicuramente un’aspettativa che le donne hanno verso i leader.

Ma ci sono anche delle situazioni di non inclusione per “autoesclusione”: nelle donne sono ricorrenti molti bias che minano la disposizione a credere in sé stesse. Infatti, tra le aspettative che le donne hanno dalla mentorship, una delle più importanti è incrementare la fiducia in sé stesse (57% dei rispondenti riconoscono la “fiducia in sé” un benefit della mentorship).


GirlsRestart è una delle principali community nel panorama della diversity&inclusion femminile in Italia. Nata durante il lockdown da un Gruppo di 500 professioniste con l’obiettivo di supportare le Donne nel mondo del lavoro, la community di GirlsRestart conta oggi circa 5.000 donne, 10 progetti di consulenza pro bono per il sostegno di imprenditrici, oltre 200 mentorship all’attivo, più di 10 masterclass gratuite e oltre 20.000 ore donate. GirlsRestart vive della generosità delle sue founder, del core team e delle professioniste che la sostengono.