GiULia (GIornaliste Unite LIbere Autonome) festeggia 10 anni, ne parlo con Paola Rizzi che ne fa parte per capire di più…

L’associazione riunisce le giornaliste italiane, impegnate contro discriminazioni e stereotipi nei media, gender gap, violenza di genere promuovendo buone pratiche nel giornalismo e valorizzazione delle competenze femminili in Stem, economia e scienze politiche attraverso la piattaforma 100esperte.it. Nella rassegna stampa che curiamo una volta al mese su giulia.globalist.it evidenziamo il gender gap informativo.  Ad esempio dal 30 agosto al 4 settembre 2021, in tutte le testate esaminate, le donne sono sempre in minoranza: firma nelle prime pagine 531 di uomini  e  174 di donne;  per quanto riguarda editoriali, commenti e analisi  abbiamo contato 91 uomini versus 23 donne;  gli intervistati sono stati 149 e le  intervistate solo 45.  Le fotografie di uomini sono 205 uomini e 50 di donne. Nella società rappresentata dai media le donne occupano a quanto pare solo il 25%.

La sotto rappresentanza di genere è solo uno dei temi sui quali riflettete, ora è il momento di “#STAIZITTA giornalista!”?

Sì, il libro che ho scritto con la presidente di GiUlia Silvia Garambois, che ha il fine di appoggiare le colleghe troppo spesso attaccate con violenza sui social network. Abbiamo raccolto testimonianze di giornaliste che tutti i giorni si trovano a leggere messaggi offensivi sui social per il lavoro che fanno ma che vengono attaccate come donne, situazione inaccettabile. Un fenomeno in crescita che allarma anche Onu, Unesco, Osce.

Insieme per le donne e con le donne, promuovere innovazione non tecnologica ma di pensiero è dura ….

Guardando la realtà attraverso la cosiddetta infosfera  emerge che le persone danno il peggio di sé stesse in questo nuovo ambiente comunicativo. La polarizzazione, le echo chamber, sono fenomeni inquietanti ma   la rassegna stampa che curiamo, come anticipato all’inizio dell’intervista, fa emergere settimana dopo settimana il contesto di disparità in cui operiamo e viviamo.  “The Global Media Monitoring Project “ ogni 5 anni monitora i media a livello mondiale e  ci mette difronte a dati di disparità di genere che allarmano.  Abbiamo molto da fare e la tecnologia ci può aiutare soprattutto dal punto di vista della raccolta dei dati.

Cosa consigliare a una giovane donna che si affaccia al giornalismo?

Bisogna avere preparazione, coraggio e forza perché il nostro è un ambiente che è divenuto più difficile da affrontare anno dopo anno. Occupare questo nuovo spazio pubblico non è semplice, siamo ancora troppo poco preparati alla realtà del mondo digitale non solo come professionisti, ma anche come cittadini.  Abbiamo bisogno di un’istruzione che sia in grado di fornire gli strumenti per non cadere nella rete e venirne fagocitati o addirittura manipolati.

 

 

 

Articolo precedenteLa città delle donne patto per il clima e GMMP 2021
Articolo successivoSiddi (CRTV): la tutela del diritto d’autore passa dall’effettiva responsabilizzazione delle piattaforme
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.