È indetta la Settima Edizione del Premio Giornalistico Mimmo Ferrara, riservato a giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti, nei settori della carta stampata, televisione, radio e nuovi media. Il Premio, intitolato alla memoria del giornalista Mimmo Ferrara, è istituito nell’intento di stimolare le “regole sacre” del giornalismo, e il rigore nell’esercizio della professione.

Il Premio si propone la diffusione dell’integrità informativa e divulgativa: a tal fine, intende favorire la cultura giornalistica, incoraggiando lo studio in ogni settore e stimolando la capacità di sintesi nell’esposizione, la completezza dell’informazione e la competenza nella divulgazione dei contenuti anche al grande pubblico.

Per la settima edizione del Premio, su indicazione della famiglia Ferrara e dell’Ordine Regionale dei Giornalisti, verranno presi in esame articoli giornalistici, reportage e servizi radio televisivi e online sulle tematiche dell’inclusione sociale e dell’integrazione scolastica.

Saranno selezionati i lavori di giornalisti che si siano distinti per originalità, per aderenza alla tematica, per approfondimento, nonché per accuratezza nella ricerca e nella documentazione, nella elaborazione dei contenuti e nello stile espositivo.

I lavori candidati e selezionati, apparsi nel periodo compreso tra l’1 ottobre 2022 al 30 settembre 2023 sulle testate giornalistiche nazionali della carta stampata, della radio, della televisione e online, saranno presi in esame da una Giuria Tecnica.

L’autore del lavoro selezionato sarà informato direttamente dal Presidente della Giuria e invitato alla cerimonia di premiazione.

La modalità di partecipazione al Premio Giornalistico Mimmo Ferrara è regolata dal bando di indizione.

 

Bando

 

Art. 1

La famiglia Ferrara e l’Ordine dei Giornalisti della Campania bandiscono la Settima Edizione del Premio nazionale Mimmo Ferrara, riservato ai giornalisti professionisti, praticanti e pubblicisti con un’età, maturata alla data di pubblicazione dell’articolo, non superiore ai 40 anni.

Ogni candidato può partecipare con un solo articolo o servizio di taglio giornalistico, riguardante il tema selezionato per il 2023.

 

Art. 2

Possono partecipare alla selezione gli autori di:

  1. articoli o inchieste scritte pubblicati su testate nazionali, quotidiani, periodici, agenzie di stampa o su internet (su siti o web tv regolarmente registrati come testate giornalistiche);
  2. servizi o inchieste audio o video trasmessi da radio, tv nazionali o pubblicati su internet (su siti o web tv regolarmente registrati come testate giornalistiche);

Gli articoli, i servizi o le inchieste dovranno risultare pubblicati, radiotrasmessi o teletrasmessi, messi on-line nel periodo compreso tra l’1 ottobre 2022 al 30 settembre 2023.

 

Art. 3

Per l’anno 2023, gli articoli, i servizi, le inchieste dovranno riguardare le tematiche dell’inclusione sociale e dell’integrazione scolastica.

Sarà premiato il lavoro che, a giudizio insindacabile della Giuria Tecnica, che decide a maggioranza dei componenti, abbia garantito la diffusione, per il tramite degli strumenti giornalistici, di informazioni, veicolate criticamente, sul legame tra inclusione sociale e integrazione scolastica.

In caso di lavori collettivi, il premio sarà diviso tra gli autori.

 

Art. 4

I lavori dovranno avere i seguenti requisiti: gli articoli non dovranno superare le 4 cartelle (foglio A4, font Times New Roman, corpo 12); i servizi radiotelevisivi e multimediali non dovranno avere una durata superiore ai 15 minuti.

I lavori, pena l’esclusione, dovranno rispettare le tematiche oggetto del presente bando-regolamento.

 

Art. 5

I giornalisti che intendono partecipare al Premio dovranno far pervenire i lavori, entro il 10 ottobre 2023, via mail al seguente indirizzo: premiomimmoferrara@gmail.com.

Per i servizi video o audio dovrà essere inviato il file del servizio. Dovranno essere indicati, inoltre, il giorno, l’ora e la rete di trasmissione o, se si tratta di servizi video o audio on line, occorrerà indicare il sito web (con data e Tribunale di registrazione della testata giornalistica) e data di pubblicazione del servizio.

 

 

Art. 6

Ogni lavoro, pena l’esclusione dal Premio, dovrà essere corredato da una scheda di partecipazione sulla quale dovranno essere indicati:

Nome, cognome, data di nascita, nazionalità, titolo di studio del giornalista autore dell’articolo o servizio presentato; Numero della tessera professionale; iscrizione all’Ordine dei Giornalisti; Indirizzo, recapito telefonico (obbligatorio cellulare) ed e-mail;

Un breve curriculum vitae dell’autore;

Scansione/Fotocopia di un documento valido (carta di identità, passaporto, patente di guida);

Nome della testata, indirizzo, data di pubblicazione dell’articolo presentato;

Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.L. 196/2003 per gli adempimenti connessi al premio.

 

Art. 7

La non osservanza del bando e/o la mancanza dei requisiti di partecipazione comporta l’ESCLUSIONE dal Premio, senza che sia dovuta comunicazione al candidato.

 

Art. 8

Per il deposito dei lavori, che non saranno restituiti, farà fede la data di invio della mail.

 

Art. 9

I candidati sollevano i promotori del Premio e la Giuria Tecnica da qualsiasi responsabilità derivante dalle opere giornalistiche presentate, dalla loro originalità, dalla violazione dei diritti d’autore e delle riproduzioni.

 

Art. 10

La valutazione dei lavori presentati è demandata alla Giuria Tecnica le cui decisioni sono inappellabili e insindacabili, a garanzia della libertà intellettuale del Premio stesso. Chi concorre al Premio ne accetta integralmente bando-regolamento e prassi.

 

Art. 11

La Giuria Tecnica è composta da nove membri, scelti tra gli amici e colleghi di Mimmo Ferrara, con un rappresentante della famiglia Ferrara.

Per il 2023 la Giuria Tecnica è così composta:

  1. Bianca Ferrara (Presidente)
  2. Franco Buononato
  3. Ettore De Lorenzo – Rai
  4. Marisa La Penna
  5. Ottavio Lucarelli – Ordine
  6. Alfonso Pirozzi – Ansa
  7. Enzo Piscopo
  8. Maria Pia Rossignaud – Media 2000
  9. Antonio Sasso – Roma

 

Art. 12

Al primo classificato sarà assegnato un premio di euro 1.500.

 

Art. 13

I vincitori saranno avvertiti in tempo utile dal Presidente della Giuria Tecnica e dovranno presenziare alla cerimonia finale che si terrà sabato 21 ottobre 2023, ore 9.30, presso la Sala dei Baroni – Castel Nuovo (Na).

 

Art. 14

Le opere potranno essere pubblicate su organi di informazione, nell’ambito del Premio. Ai sensi del d.l. 196 del 30 giugno 2003 e successive modifiche, i dati dei candidati potranno essere utilizzati ai soli fini del Premio e potranno essere resi noti nell’ambito dell’attività di promozione del Premio stesso.

 

Art. 15

Le decisioni della giuria saranno motivate e insindacabili da qualsiasi organo pubblico o privato.

Articolo precedenteState of Privacy 2023: Diritto al progresso – alla privacy – educazione al prompt
Articolo successivoLa chirurgia napoletana guarda oltre il covid