Questa settimana segnaliamo il volume di Mario Morcellini, Franca Faccioli e Barbara Mazza: “Il progetto comunicazione alla sfida del mercato. Itinerari e prospettive dei laureati nel sud Europa” (FrancoAngeli editore).
il progetto comunicazione COVERChi sono i laureati in Scienze della Comunicazione? Cosa fanno e quali prospettive occupazionali hanno in questo difficile momento in cui la crisi economica ha drasticamente ridotto le opportunità di lavoro giovanile? A distanza di oltre venti anni dalla costituzione dei primi corsi di studio, studiosi, ricercatori ed esperti del settore che operano in Italia e nei Paesi del sud Europa si confrontano per tratteggiare l’identikit di una figura che ha maturato un suo specifico profilo in termini di competenze. Contro le banalità politico-giornalistiche sulle lauree inutili, la mole di dati elaborati in questi anni da AlmaLaurea, da istituti di ricerca vicini al mondo delle istituzioni e del lavoro e da osservatori universitari – in particolare quello romano della Sapienza – rivela la capacità dei percorsi formativi in Comunicazione di preparare un profilo policompetente e multitasking, capace di fronteggiare il dinamismo del mercato. Il volume si propone quindi di rintracciare, nelle pieghe del cambiamento, possibilità e spazi di posizionamento che consentano ai giovani professionisti di affrontare al meglio le sfide del futuro. La prima parte si sofferma sui principali percorsi della formazione universitaria anche in relazione all’evoluzione delle professioni. Una sezione specifica è dedicata a un confronto sulle tematiche della formazione e del lavoro che si è sviluppato nel sud Europa grazie agli studi condotti da diversi osservatori universitari (in Italia, in Spagna e in Portogallo) e che hanno visto, nell’ultimo triennio, gli autori coinvolti in una serie di incontri convegnistici e seminariali. Nell’ultima parte l’attenzione è posta sui temi “caldi” che caratterizzano la trasformazione dell’Università italiana, delineando scenari futuri in cui ricomprendere gli interrogativi aperti dal dibattito pubblico e incentrati sulle tematiche della qualità, della ricerca e dei modelli didattici.
Mario Morcellini: Professore Ordinario in Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi. È direttore del Coris – Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale. Ricopre l’incarico di Presidente della Conferenza Nazionale delle Facoltà e dei Corsi di Laurea in Scienze della Comunicazione, Portavoce nazionale dell’Interconferenza dei Presidi, Consigliere del CUN (Consiglio Universitario Nazionale). È membro Ordinario del Consiglio Superiore delle Comunicazioni. Ha svolto e svolge attività di consulenza e/o di direzione di ricerca per: il MUR-Ministero dell’Università e della Ricerca; il CNR, Consiglio nazionale delle Ricerche; la RAI (in particolare il Coordinamento Palinsesti, Analisi, Studi e Ricerche); l’ONG-Ordine Nazionale dei Giornalisti; la FNSI-Federazione Nazionale della Stampa; la Regione Lazio – Assessorato Scuola, Formazione e Politiche per il Lavoro; la Provincia di Roma – Assessorato Solidarietà, Servizi Sociali, Educazione Permanente; il Comune di Roma; il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale – Osservatorio del Mercato del Lavoro; la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.
Franca Faccioli: E’ professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso la Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione dell’Università di Roma La Sapienza. Dal 2008 è direttore del Master di II livello “Digi.Com in Comunicazione, management e strategie digitali”. E’ componente del Collegio dei docenti del Dottorato in “Comunicazione, tecnologie, società”. E’ componente del Comitato scientifico delle riviste Sociologia e ricerca sociale, Sociologia della comunicazione, Problemi dell’informazione e Studi sulla questione criminale. E’ nel Comitato dei responsabili della collana MediaCultura per la casa editrice FrancoAngeli.
Barbara Mazza: E’ professore ordinario di Comunicazione per il management d’impresa e Gestione e comunicazione delle organizzazioni non profit dell’Università di Roma La Sapienza.