Programmare il mondo un titolo ambizioso per la IX edizione del premio Nostagia di Futuro, la discussione che precede la cerimonia della premiazione è giovedì 28 settembre: il countdown inizia. I protagonisti della tavola rotonda vengono da ambienti diversi, li unisce la voglia di partecipare attivamente alla trasformazione che è sotto gli occhi di tutti: “chi non se ne rende conto è segno che non ha capito niente. Io ho tanta Nostalgia di Futuro”. Queste le parole che Giovanni Giovanni  ripeteva spesso, le aveve prese in prestito da Niels Bohr ed arricchite con l’ossimoro Nostalgia di Futuro che è diventato il nostro slogan. Dal 2009 ad oggi di campanelli di allarme ne abbiamo suonati diversi qui l’elenco dei temi trattati anno dopo anno che per il decimo anno trasformeremo in un ebook.

Intanto il nuovo iPhone è costruito per programmare il nostro tempo in macchina senza di lui, nel senso che non permette  all’utente in macchina di ricevere telefonate e messaggi.  Probabilmente riusciremo così a ridurre gli incidenti. La macchina decide per l’uomo che di regole non ne vuole sapere, questo è programmare il mondo?

Proviamo a scoprirlo giovedì 28 settembre in occasione del prestigioso Prix Italia Rai ascoltando Cosimo Accoto (MIT); Maurizio Costa (FIEG); Luigi Curini (UNIMI); Derrick de Kerckhove (OTM/Media Duemila); Raffaele Lorusso (FNSI); Monica Maggioni (Rai); Vittorio Meloni (Intesa Sanpaolo) presso la sala del Parlamentino del Palazzo Giureconsulti (Piazza dei Mercanti, 2 – Milano).

iPhone

 

 

Articolo precedenteProgrammare il mondo – Nostalgia di Futuro 2017 – 28 settembre Milano
Articolo successivoLinkedIn Audience Network: la nuova rete social e l’interesse dei colossi dei media
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.