Programmare il mondo un titolo ambizioso per la IX edizione del premio Nostagia di Futuro, la discussione che precede la cerimonia della premiazione è giovedì 28 settembre: il countdown inizia. I protagonisti della tavola rotonda vengono da ambienti diversi, li unisce la voglia di partecipare attivamente alla trasformazione che è sotto gli occhi di tutti: “chi non se ne rende conto è segno che non ha capito niente. Io ho tanta Nostalgia di Futuro”. Queste le parole che Giovanni Giovanni  ripeteva spesso, le aveve prese in prestito da Niels Bohr ed arricchite con l’ossimoro Nostalgia di Futuro che è diventato il nostro slogan. Dal 2009 ad oggi di campanelli di allarme ne abbiamo suonati diversi qui l’elenco dei temi trattati anno dopo anno che per il decimo anno trasformeremo in un ebook.

Intanto il nuovo iPhone è costruito per programmare il nostro tempo in macchina senza di lui, nel senso che non permette  all’utente in macchina di ricevere telefonate e messaggi.  Probabilmente riusciremo così a ridurre gli incidenti. La macchina decide per l’uomo che di regole non ne vuole sapere, questo è programmare il mondo?

Proviamo a scoprirlo giovedì 28 settembre in occasione del prestigioso Prix Italia Rai ascoltando Cosimo Accoto (MIT); Maurizio Costa (FIEG); Luigi Curini (UNIMI); Derrick de Kerckhove (OTM/Media Duemila); Raffaele Lorusso (FNSI); Monica Maggioni (Rai); Vittorio Meloni (Intesa Sanpaolo) presso la sala del Parlamentino del Palazzo Giureconsulti (Piazza dei Mercanti, 2 – Milano).

iPhone

 

 

Articolo precedenteProgrammare il mondo – Nostalgia di Futuro 2017 – 28 settembre Milano
Articolo successivoLinkedIn Audience Network: la nuova rete social e l’interesse dei colossi dei media
Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Membro del comitato direttivo degli Stati Generali dell'Innovazione. Da gennaio 2015 è Digital Champion del comune di Vico Equense.