Nel contesto di informazione globale, istantanea e condivisa la sfera della privacy non esiste più? Non si può tornare indietro. A Milano parlerò di sistema limbico, di Intimità invasa, l’occasione è l’Internet Days. Un discorso che continuerò a Roma il 24 ottobre durante il Premio “Nostalgia di Futuro”.
L’identità digitali e le politiche commerciali impongono un cambiamento di rotta senza per questo dimenticare che un buon programma diretto ad un target preciso è di successo sicuro.
“L’Italia è un Paese fondato sulle nonne” 200.000 spettatori in media con picchi di 400.000 sono i numeri del programma di Paola Severni e Maurizio Giannotti. Paola Severni spiega il motivo di questo successo nel prossimo numero di Media Duemila: “15 milioni di donne over 50, il target mai preso in considerazione”. (DDK)

Articolo precedente“Donne in carne e ossa”, cinque storie vere dal Sud Italia
Articolo successivoProprietà intellettuale: un posto di lavoro su tre nell’Ue ne dipende
Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Membro del comitato direttivo degli Stati Generali dell'Innovazione. Da gennaio 2015 è Digital Champion del comune di Vico Equense.