Martedì 22 novembre alle 18.30, presso il Circolo Canottieri Lazio a Roma (Lungotevere Flaminio 25) si terrà la presentazione della nona edizione del “Manuale di diritto dell’informazione e della comunicazione” del Prof. Ruben Razzante (Edizioni CEDAM-Wolters Kluwer).

La presentazione verrà aperta dai saluti di Raffaele Condemi, Presidente del Circolo Canottieri Lazio, e da Andrea Penza, Presidente Intratel S.R.L. e consigliere del suddetto Circolo.

Seguirà poi il dibattito “Innovazione tecnologica, qualità dell’informazione e tutela dei diritti in rete”, in cui interverranno con l’autore Carlo Bartoli (Presidente dell’Ordine Nazionale Dei Giornalisti), Roberto Natale (Direttore Rai per la Sostenibilità), Guido Scorza (componente del Garante per la protezione dei dati personali) e infine Paola Severini Melograni (Direttore di AngeliPress.com). L’intervento di Alberto Barachini, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’informazione e all’editoria, concluderà l’evento.

Modera Maria Pia Rossignaud, vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia e direttrice di Media Duemila.

A tre anni dall’ultima edizione si è reso necessario un intervento di ampliamento del Manuale, perché l’ambiente digitale sta trasformando le modalità di interazione tra soggetti e i meccanismi di produzione e distribuzione di contenuti. In un contesto di progressiva digitalizzazione a cui segue un analogo processo di disintermediazione sono dunque necessarie nuove regole giuridiche e deontologiche, in materia di privacy, copyright e tutela dei diritti. Soltanto gli strumenti del diritto, infatti, possono aiutarci nella costruzione di un ecosistema più inclusivo, fondato sulla corresponsabilità di tutti gli attori. Questo si dimostra utile anche per sostenere la realizzazione di una completa transizione digitale, che passa tramite la competitività delle imprese.

Questi e altri temi sono già stati oggetto del dibattito “PNRR, digitalizzazione delle imprese e importanza del web per la crescita del paese”, tenutosi in occasione della presentazione del volume il 26 ottobre a Milano.

Ruben Razzante è Professore di Diritto dell’informazione, di Diritto della comunicazione per le imprese e i media e di Diritto europeo dell’informazione presso l’Università Cattolica di Milano, e di Diritto dell’informazione all’Università Lumsa di Roma e di deontologia giornalistica alla Pontificia Università Lateranense. È giornalista professionista e docente ai corsi promossi dall’Ordine dei giornalisti e collabora come editorialista con diversi quotidiani. Ha dato alle stampe tre volumi (“Giornalismo e comunicazione pubblica”, “Manuale di diritto dell’informazione e della comunicazione” fino alla IX edizione, “Informazione: istruzioni per l’uso. Notizie, Rete e tutela della persona”), adottati in moltissimi atenei italiani. Ha fondato inoltre il portale dirittodellinformazione.it.

Articolo precedenteCammino rinnova i vertici: Raffaella Villa è la nuova Presidente Nazionale
Articolo successivoG20: l’escalation della guerra domina i lavori, Biden vede Xi
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.