di PERSICO e IACONESI     

 

Il 30 aprile scorso, nella cornice di CAMMOVIE, manifestazione internazionale dedicata alla video arte, REFF, la fake institution che dal 2009 promuove internazionalmente politiche innovative per l’arte, la creatività e la reinvenzione del reale, arriva al Contemporary Arts Museum di Casoria (CAM) con la sua Augmented Reality Drug, una “droga” in realtà aumentata che abilita gli umani alla sistematica reinvenzione del reale.

Lanciata a Londra nel mese di febbraio in occasione della mostra “Remix the World! Reinvent Reality!” (Furtherfield Gallery, 25 febbraio – 28 marzo 2011), REFF AR Drug si presenta sotto forma di una scatola di medicine contenente QRcode e Fiducial Marker ritagliate a mo’ di pastiglie. Ultimo ritrovato in fatto di publishing, tecnicamente REFF AR Drug è infatti un nuovo tool opensource che trasforma un blog in un sistema di pubblicazione cross-mediale, MACME, creato da FakePress a partire da tre presupposti fondamentali:

  • le tecnologie digitali, e in particolare la realtà aumentata, offrono la possibilità di stratificare contenuti sul mondo, aprendola ad un continuo e sistematico processo di reinvenzione, remix e riscrittura;
  • in questo senso, come intuisce quasi 40 anni fa T. Leary, i loro effetti sono paragonabili a quelli delle sostanze psicotrope;
  • le istituzioni producono droghe somministrate legalmente alla popolazione sotto forma di medicine.

L’analogia è stabilita, ma si va oltre. REFF AR Drug diventa il centro di un vero e proprio Youth Program, un programma di formazione che REFF, nella tradizione delle migliori istituzioni, dedica alle nuove generazioni. Il Programma consiste in una serie di workshop teorici e pratici che esplorano le possibilità offerte da fake, remix, ricontestualizzazione, plagiarismo, re-enactment quali strumenti di sistematica reinvenzione del reale, primo fra tutti MACME che arriva sui laptop di studenti e professori di scuole e università di mezza Europa.

Ne riceve un breve ma efficace assaggio il pubblico del CAM di Casoria che, rapito, assiste alla presentazione-performance del Dott. AR, esperto in salute olistica aumentata del REFF. In una metafora medico-chimica ormai completa, la Fake Institution veste i panni dello staff medico, illustrando gli effetti e le caratteristiche delle tre potenti molecole alla base della AR Drug: REMIXine, REINVENTum, REALITene arrivano ai presenti sotto forma di tre cocktail rispettivamente rosso, blu e verde…

Un punto cruciale su cui è necessario tornare è il codice. REFF ci mette in mano uno strumento aperto con cui ognuno può “creare la sua propria droga” o meglio: scrivere, stratificare e aumentare il suo mondo. Uno strumento di autonomia che è di fatto una politica di welfare informazionale contemporaneo, un’infrastruttura per la libera espressione, un’azione di accesso che democratizza radicalmente la possibilità di utilizzare le nuove forme di scrittura abilitate dalle tecnologie ubique in un momento particolare dell’editoria.

Vi lasciamo con qualche riga tratta dal bugiardino di questa nuova droga e con numerosi link di approfondimento per chi desideri saperne di più sulla storia di questa Fake Institution, su MACME e su un Museo come il CAM nato in un territorio difficile e complesso come il quartiere di Casoria:

[…] Chiamata anche Simulata Realitas per Activam-Industriosam-Laboriosam Multiplicationem,REFF AR Drug è un antidepressivo psicotropo amministrato cross-medialmente. La droga è usata nel trattamento di depressione sociale, paura del futuro, precarietà, stress antropologico, mancanza di opportunità, totalitarismo comunicazionale, scarsità di libertà ed ecosistemi sociali intolleranti. Comparata ad altre droghe che agiscono nelle stesse aree, REFF AR Drug è progettata per l’accessibilità immediata quale abilitatore di forme di espressione e pratiche collaborative spontanee.

Al di fuori dell’uso specifico, la droga può essere usata per curare disturbi da UFPS (Uncertainty for the Future of Publishing Syndrome) e LDSBMS (Lack of Decent Sustainable Business Models Syndrome). […].”

 

APPROFONDIMENTI

– REFF RomaEuropa FakeFactory:
http://www.romaeuropa.org/

 

– REFF AR Drug:
http://www.fakepress.it/FP/?p=1640

 

– MACME:

http://www.fakepress.it/FP/?p=1617

 

– REFF AR Youth Program:

http://www.fakepress.it/FP/?p=1694

 

– REFF world map:
http://reff.romaeuropa.org/

 

– FakePress Publishing:

http://www.fakepress.it/

 

– Casoria Contemporary Arts Museum:
http://www.casoriacontemporaryartmuseum.com/

 

Oriana Persico e Salvatore Iaconesi
www.fakepress.it
www.artisopensource.net
www.angel-f.it

Articolo precedenteNel segno della sostenibilità il Premio Giovannini 2011 Consulta bando e domanda
Articolo successivoLa tecnologia non sufficiente senza le giuste competenze