“Reporter del Mediterraneo” è il premio dedicato a cortometraggi e documentari sull’Europa ed i Paesi della sponda sud del nostro mare. La conoscenza reciproca è fondamentale in una società dove la tecnologia promuove e sostiene una coscienza collettiva. Il sistema limbico della rete deve essere approfondito. L’emozione che passa attraverso la rete ha bisogno di essere non solo conosciuta ma anche approfondita. Una nuova e più appropriata coscienza collettiva si crea anche così.
Giulio Anselmi, presidente Ansa, e il deputato del Parlamento italiano Khalid Chaouki lanciano questo progetto nell’ambito della riunione della Commissione cultura dell’Assemblea Parlamentare (PA).
Al vincitore ANSAmed offrirà uno stage di formazione di due mesi, anche nella redazione multimediale dell’ANSA, e i corti presentati saranno visibili sul sito di ANSamed.

Articolo precedenteLa fine del potere
Articolo successivoInternet e letteratura: fantasia, ardire e ingenuità tra burla e truffa
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.