“Ad un anno dalla legge di recepimento della c.d. Direttiva Copyright, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni sta lavorando al Regolamento sui criteri di determinazione dell’equo compenso spettante agli editori di giornali. Comprendiamo l’esigenza di procedere con accuratezza, tuttavia dobbiamo rilevare una dilatazione dei tempi di definizione del Regolamento”. Così il Presidente della FIEG, Andrea Riffeser Monti, ha commentato il processo di adozione del Regolamento Agcom sull’equo compenso.

“Nel corso di questi mesi – ha osservato Riffeser – il coinvolgimento delle parti interessate ha consentito di sottoporre all’attenzione dell’Autorità informazioni ed elementi conoscitivi utili ad approfondire le dinamiche di settore.

Il nostro invito – conclude Riffeser – è ad approvare i criteri per la determinazione dell’equo compenso, fondamentali ai fini di una effettiva ed efficace applicazione della norma, anche nell’ottica di preservare la produzione di una informazione affidabile e adeguata da un punto di vista sociale, date le caratteristiche di bene pubblico dell’informazione”.