Al Colosseo è stata inaugurata l’ascensore panoramico. L’impianto, realizzato nel pieno rispetto del monumento, permetterà ai visitatori con difficoltà motorie di raggiungere i livelli più elevati della cavea, in particolare la galleria posta tra il II e III ordine, così da poter godere appieno della bellezza del monumento più famoso al mondo.

Il nuovo impianto è stato inaugurato alla presenza del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, con una performance speciale dell’Orchestra Italiana del Cinema che si è esibita sulle note del premio Oscar Hans Zimmer.  Marco Patrignani, presidente dell’Orchestra Proprio all’Orchestra Italiana del Cinema,  spiega  che  la realizzazione dell’opera, in sinergia con il ParCo,  è stata immaginata in occasione della proiezione nell’arena dell’Anfiteatro Flavio del film Il Gladiatore, di Ridley Scott, alla presenza di Russel Crowe che si è preso nel 2018 l’impegno di sponsorizzare il nuovo ascensore.

L’attore ha voluto essere presente all’inaugurazione in video, ha infatti telefonata dalla Golden Coast dove si trovava.
Il Parco archeologico del Colosseo, sin dalla sua istituzione, ha inserito nella sua mission il tema dell’accessibilità fisica, culturale e cognitiva, adoperandosi per accogliere tutto il pubblico con adeguati sussidi alla visita, dalla segnaletica, mappe tattili, guide di facile lettura, e ovviamente con percorsi in grado di superare i dislivelli.
“Da oggi il Colosseo è ancora di più patrimonio dell’umanità – ha commentato Sangiuliano – l’obiettivo è rendere la cultura sempre più autenticamente inclusiva.

“Sarà ora possibile, per tutti i visitatori, godere di uno sguardo di grande suggestione sui cieli di Roma” ha sottolineato anche la direttrice del Parco Archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo.
L’ascensore “è come se fosse stato costruito con la forza delle emozioni e dei sogni, che sembrano eterei e sono invece potentissimi” ha  concluso il presidente dell’Orchestra, Patrignani.

Articolo precedenteIl giornalismo che verrà
Articolo successivoP2P energetico e disintermediazione: cittadino libero
Maria Pia Rossignaud
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. II presidente Sergio Mattarella la ha insignita dell'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Insignita dal presidente Mattarella dell'onorificenza di "Cavaliere al Merito della repubblica Italiana. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista Mobile Century e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.