Storytelling digitale. Le nuove produzioni 4.0

Con Carlo Rodomonti Responsabile Marketing Strategico e digital Rai Cinema, Docente di Economia della Crossmedialita, VR Adopter. Vice Presidente Unione Editori e Creators Digital ANICA abbiamo avuto modo di approfondire aspetti della comunicazione che cambia.

In questi giorni è esploso il metaverso, il nuovo mondo che ci immerge ed io ho ritrovato  un mio esperimento di diversi anni: TheU, l’università con un nuovo modo per apprendere. 

L’esperimento continua con le nuove forme di narrazione che Carlo Rodomonti sperimenta e il libro Storytelling digitale è stata una bellissima occasione di riflessione prima e poi di confronto. Storytelling digitale. Le nuove produzioni 4.0

Conto che ce ne siano altre e ringrazio Simone Arcagni per avermi coinvolto.

Articolo precedenteErika Mandraffino Premio Donna è Innovazione 2020
Articolo successivoGli ultimi giorni di sole
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.