Ci siamo arriva TensorFlow, l’intelligenza artificiale che Google mette a disposizione dei suoi utenti e che può alimentare ogni tipo di ricerca.
In questo modo Google mostra come il mondo di software per computer sta cambiando perché riflette anche la rivoluzione dell’ hardware. All’interno di Google, quando si affrontano compiti come il riconoscimento delle immagini e il riconoscimento vocale e traduzione, TensorFlow dipende dalle macchine dotate di GPU, ma questo nuovo sistema permette un ricerca mai realizzata prima.

Secondo l’ingegnere di Google Jeff Dean, che aiuta a supervisionare il lavoro di AI dell’azienda, Google utilizza le GPU non solo nella formazione dei suoi servizi di intelligenza artificiale, ma anche nella gestione dei servizi per gli smartphone originariamente progettati da i consumatori.
Intanto il giornalista O’Reilly scrive su Wired che ha provato la nuova App di il Google per le foto, e ne è rimasto stupito per la profondità e intelligenza artificiale.

O’Reilly era in piedi davanti al CEO di Google e co-fondatore Larry Page lo scorso maggio, al cocktail di benvenuto per la stampa durante l’annuale Google I/O conferenza. O’Reilly meravigliato dalle dimostrazioni ha digitato sul suo telefono “pietra tombale”, e si è ritrovato una foto alla tomba di suo zio, perso tanto tempo fa…

 

Articolo precedenteIl Processo nel Processo – Domani a Palazzo Marino – Milano
Articolo successivoICT per i media: Interazione Contenuto Tutela. L’Osservatorio TuttiMedia lancia il dibattito internazionale sul mondo dell’editoria al premio Nostalgia di Futuro 2015
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.