Rai Mise e Comune insieme nella sperimentazione in ambito audiovisivo

Ministero dello Sviluppo Economico, RAI e Comune di Torino insieme nella sperimentazione della tecnologia 5G in ambito audiovisivo. Il Centro Ricerche Rai – il 24 giugno a Torino nel corso dello spettacolo in piazza in occasione delle celebrazioni di San Giovanni – ha sperimentato la diffusione di immagini ad alta definizione 5G in modalità broadcast.

Nel prossimo futuro la tecnologia 5G, grazie all’elevatissima velocità di trasmissione, alla bassa latenza e alla possibilità di operare sia in modalità interattiva che in broadcast, permetterà di trasmettere video di altissima qualità nel corso di eventi che coinvolgono ampie platee, aprendo anche nuove prospettive al video immersivo a 360°, alla realtà aumentata e all’interattività da parte degli utenti.

Lo spettacolo è stato ripreso da una regia mobile situata all’interno della piazza e da droni, curato dal Centro di Produzione di Torino, dalla Tgr Piemonte e da RaiNews24. Le immagini sono state inoltre integrate da riprese in 4K del territorio piemontese e della città di Torino.

Il Centro Ricerche RAI ha curato la trasmissione sperimentale in tecnologia 5G broadcast dal trasmettitore RaiWay di Torino Eremo e le riprese sono state rese disponibili al pubblico in piazza tramite due maxi schermi posti ai lati dello schermo d’acqua sul quale venivano proiettate le immagini dello spettacolo.

Inoltre presso il Museo della Radio Rai di Via Verdi, la nuova tecnologia 5G broadcast è stata illustrata a un gruppo di docenti e studenti del Politecnico di Torino che, attraverso una innovativa app in tecnologia WiFi multicast realizzata da Global Invacom, hanno potuto apprezzare anche sul proprio telefono cellulare questo servizio ricevuto direttamente via etere tramite un ricevitore sperimentale sviluppato con l’Università di Braunschweig. RaiNews24, infine, ha curato la regia televisiva della diretta dell’evento in piazza in onda sul Digitale Terrestre e su TivùSat e in streaming su RaiPlay.

“Si tratta di una prima sperimentazione della tecnologia 5G in ambito audiovisivo e sono soddisfatto che la collaborazione tra MiSE, RAI e Comune di Torino in questo ambito stia dando i suoi primi frutti. L’integrazione tra diverse tecnologie disponibili renderà in un prossimo futuro la fruizione di contenuti audiovisivi un’esperienza immersiva e partecipata e l’evento di Torino è solo un assaggio delle potenzialità di questa tecnologia” ha dichiarato il Ministro Luigi Di Maio.

Articolo precedenteFIEG oltre la crisi con media indipendenti autorevoli a garanzia della democrazia
Articolo successivoIl giorno della Verità – lancio della piattaforma Orwell
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".