Sostenere la creazione – sostenere la libertà di stampa, sostenere il diritto d’autore. Attraverso una petizione, gli editori chiedono alle istituzioni europee di garantire una efficace tutela del diritto d’autore per promuovere la creatività europea e la libertà di espressione
Il 20 aprile scorso, infatti, ENPA ed EMMA, le associazioni europee degli editori di quotidiani e periodici di cui fa parte la FIEG – in collaborazione con EPC (il consiglio europeo degli editori) e con FEP (la federazione europea degli editori) – hanno pubblicato una petizione per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di garantire una forte tutela del diritto d’autore, anche in considerazione del fatto che la digitalizzazione non ha ridotto bensì aumentato la necessità di una effettiva protezione del diritto d’autore.
I rappresentanti degli editori europei invitano autori, editori, scrittori, giornalisti, artisti, fotografi, traduttori, librai, edicolanti, lettori e consumatori a sottoscrivere la petizione online su change.org.
I firmatari sottolineano l’importanza di incoraggiare la libertà di espressione insieme alla libertà di creare e di preservare il valore di ciò che è stato creato: in questo senso, il diritto d’autore favorisce e rafforza la libertà di espressione.
Nel dibattito attualmente in corso sulla modernizzazione del quadro comunitario in materia di diritto d’autore c’è chi sostiene che il copyright sia obsoleto. Al contrario, gli editori europei, che si oppongono ad un simile orientamento, chiedono alle istituzioni europee di dichiararsi a favore di una normativa che tuteli efficacemente il diritto d’autore, che è il fondamento della ricchezza e varietà delle nostre culture e garantisce alle diverse opinioni di poter essere espresse.
La FIEG ha sottoscritto la petizione #copyrightforfreedom.

Articolo precedenteIl futuro della televisione e l’Ultra Tv: se ne discute a San Marino
Articolo successivoConvegno Quadrifor: a Roma il 19 maggio
Dario Sautto
Dario Sautto: napoletano, giornalista e blogger, cronista di giudiziaria presso "Il Mattino", ha collaborato con il "Roma" e "la Repubblica", è stato direttore di una webtv, conduttore radio e tv