Giovanni Giovannini (fondatore dell’Osservatorio TuttiMedia nel 1996): “Siamo ad una svolta nella storia del comunicare tra uomini. La trasformazione sempre più veloce e profonda non è più tema di addetti ai lavori: è, deve essere oggetto di riflessione da parte di tutti a cominciare da chi abbia una qualche responsabilità nella nostra società, nel nostro Paese (che anche e soprattutto, in questo settore giuoca il suo futuro). Dobbiamo osservare, capire, anticipare o saremo travolti. Serve un osservatorio che unisca tutti i media, la convergenza di interessi e di menti ci renderà forti”. Da Allora sono passati 20 anni e l’Osservatorio TuttiMedia conduce una battaglia culturale per chiarire l’importanza di quella che non è soltanto un’evoluzione e nemmeno una rivoluzione ma “mutazione” — come la definì Giovanni Giovannini nel primo numero di Media Duemila con un termine che ebbe fortuna — nel modo di informare, comunicare, vivere tra uomini. Giovannini l’ha definita una svolta nella storia paragonabile solo a poche altre: alla nascita della scrittura (per rimanere nel campo della comunicazione) cinquemila anni addietro, o all’invenzione gutenberghiana della stampa a caratteri mobili della metà del Quattrocento.

 

Articolo precedenteRoboetica: aspetti etici – legali e sociali
Articolo successivoTrupiano – Un ambasciatore nella Libia di Gheddafi
Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Membro del comitato direttivo degli Stati Generali dell'Innovazione. Da gennaio 2015 è Digital Champion del comune di Vico Equense.