Nel 2018 dell’Ue, c’è l’Anno europeo del patrimonio culturale: ogni Stato organizzerà eventi e attività per valorizzare i beni e le tradizioni del proprio territorio e rafforzare, allo stesso tempo, il senso di appartenenza dei cittadini. L’Italia, che è lo scrigno più grande al Mondo di beni culturali, è particolarmente coinvolta.

L’Anno europeo del patrimonio culturale giunge in una fase carica di attese e speranze per l’Unione: il processo d’integrazione, appannatosi e incagliatosi negli anni della crisi, riprende fiato e slancio, nonostante la Brexit, cioè la decisione della Gran Bretagna d’uscire dall’Ue, e la mancanza di solidarietà fra i 27 Paesi restanti sul fronte dell’immigrazione.

Diritti fondamentali, difesa comune, radici comuni storico-culturali sono pilastri portanti di un nuovo Rinascimento europeo di cui l’Italia, dopo essere stata culla del primo, può essere protagonista se saprà lavorare in sinergia con gli altri Paesi ed essere al fianco, non in subordine, ma neppure in contrapposizione, a Francia e Germania, la cui intesa e cooperazione è fattore indispensabile di crescita dell’integrazione.

L’Anno darà pure una spinta importante dal punto di vista economico e occupazionale: 7,8 milioni di posti di lavoro nell’Unione sono legati al settore culturale. Presentando idee e programmi italiani, Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle Attività culturali, afferma: “La cultura è un grande fattore unificante, molto più dell’azione dei governi: c’è una cittadinanza comune che sta crescendo condividendo arte, cinema, letteratura europei”. Sul sito del ministero, ci sono tutti gli eventi previsti nella penisola.

Tibor Navracsics, commissario europeo all’Istruzione, la Cultura, la Gioventù e lo Sport, insiste sulla necessità di porre il patrimonio culturale al centro del modello di vita europeo. Storia ed arte, bellezza e gusto danno all’Europa un vantaggio competitivo sugli altri Continenti, che va sfruttato e non dilapidato.

Ue

Articolo precedenteMaurizio Mensi presidente Organo di Vigilanza sulla Rete TIM
Articolo successivoOmelie di Papa Francesco – 18 gennaio Roma
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.