Cinque i criteri che condizioneranno le scelte dei leader dei 28, che si sono riuniti a Bruxelles martedì 28 maggio per valutare l’esito del voto dal 23 al 26 e incominciare a dipanare la matassa delle nomine alla guida delle Istituzioni comunitarie: i presidenti della Commissione europea e del Consiglio europeo e l’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza – una sorta di ‘ministro degli Esteri’ europeo -, il presidente del Parlamento europeo e, in prospettiva, il presidente della Banca centrale europea.

Il negoziato è estremamente incerto: deve tenere conto di equilibri politici, nazionali, demografici, geografici e di genere. In più c’è il fattore rotazione: chi ha appena avuto un posto, tendenzialmente non lo riavrà. E chi ne ha appena avuti tanti, e persino troppi, tendenzialmente non riavrà niente. E’ il caso dell’Italia, che oggi gestice tre di quelle cariche e verosimilmente non ne avrà più nessuna.

Non le gioca contro solo il fattore rotazione, ma pure tutti gli altri criteri. Le due forze che formano il governo italiano hanno nell’Unione referenti diversi, nessuno dei quali ha, però, responsabilità di governo e ha, quindi, il potere d’influenzare la decisione sulle nomine, che spettano ai capi di Stato e/o di governo, con l’avallo del Parlamento europeo.

Gli incarichi vengono normalmente ripartiti fra Paesi diversi. L’Italia è un grande Paese e Francia, Germania e Spagna, con la Polonia gli altri Grandi Paesi Ue, hanno propri candidati a posti diversi: il tedesco Manfred Weber e il francese Michel Barnier possono entrambi arrivare, seguendo percorsi diversi, alla presidenza della Commissione; la Spagna punta al ‘ministro degli Esteri’.

L’Italia potrebbe barattare l’appoggio a candidati di Paesi minori con il sostegno a sue richieste. Difficile, però, la reciprocità con l’Olanda, che può puntare alla presidenza del Consiglio europeo, per il premier Mark Rutte, o al ‘ministro degli Esteri’, con l’ex ministro degli Esteri e attuale vice-presidente della Commissione europea Frans Timmermans. Più facile, per l’Italia, immaginarsi forme di reciprocità con i Paesi del Gruppo di Visegrad o, più genericamente, con i Paesi dell’ex Europa orientale, che possono cercare qualche approdo per la presidente lituana Dalia Grybauskaite, ex commissaria europea. Ma, finora, gli amichetti sovranisti di Matteo Salvini sono stati più bravi a chiedere che a dare.

Quanto al genere, non si intravvede una donna di caratura europea nella disponibilità di Lega e M5S. A meno che il Governo Conte non voglia giocare la carta del boicottaggio delle Istituzioni dell’Ue, designando a Bruxelles, per un incarico alla Commissione europea, il sottosegretario all’Economia e alle Finanze Laura Castelli – e comunque si tratterebbe di un ruolo di comprimario, non di leader.

In realtà, l’Italia un asso nella manica potrebbe averlo, per piazzare una pedina in un posto che conta in funzione del prestigio e della competenza, al di là dei meriti del Paese: si tratterebbe di riciclare Mario Draghi, in scadenza di mandato alla Bce, magari come presidente dell’eurogruppo – quando l’attuale, il portoghese Mario Centeno dovesse lasciare, o per un portafoglio economico importante alla Commissione.

Le designazioni dei commissari sono fatte dai singoli governi. Ma, in quello italiano, non si sono finora visti estimatori di Draghi.

Così, il rischio di rimanere a bocca asciutta è alto. E c’è pure l’ipootesi che il Parlamento europeo, dove c’è una maggioranza antitetica a Lega e M5S, bocci il commissario italiano designanto, tanto per fare vedere chi comanda a Bruxelles.

Articolo precedenteRassegne stampa radio tv: le Indicazioni FIEG sull’uso degli articoli
Articolo successivoReadly: lettura no stop. Ne siamo ancora capaci?
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.