Angela Geraci, giornalista del Corriere della Sera segnala il dibattito che è esploso in tutta la Corea del Sud intorno alle due state (nella foto) collocate nel Korea Botanic Garden a Pyeongchang. L’articolo è interessante ed voluto riproporlo perché,  l’opera dal titolo “Espiazione eterna” è dedicata al problema delle delle “donne da conforto” (sudcoreane  schiave di sesso a disposizione dell’esercito giapponese) fa parlare di se non per la storia che rappresenta ma perché i giapponesi si non offesi in quanto l’uomo sembra rassomigliare troppo al loro premier Abe. Il direttore del giardino botanico Kim Chang-ryeol al Japan time ha detto: “La statua maschile rappresenta qualsiasi uomo che debba scusarsi con una ragazza, potrebbe essere un padre o chiunque altro”.

Ebbene mi piacerebbe averne anche in Italia…


Articolo precedentede Kerckhove su AI: sbagliato associare la parola “intelligenza” al riconoscimento di modelli e al calcolo statistico
Articolo successivoDiffamazione: FIEG-FNSI necessario un supplemento di riflessione di forze politiche e Parlamento
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".