Il presidente candidato Donald Trump ha espresso a più riprese la sua ostilità al voto per posta, che, al tempo della pandemia, appare l’opzione preferita da una grossa fetta dell’elettorato statunitense: recenti sondaggi stimano fino al 60% i cittadini che intendono votare per corrispondenza, evitando, così, assembramenti ai seggi con – o senza – mascherina.

Trump teme che il voto per posta favorisca i brogli – nessun dato avalla questa ipotesi – e provochi ritardi nello spoglio delle schede; e arriva a suggerire ai suoi fan che votano per corrispondenza d’andare poi al seggio a verificare che la loro scheda sia stata contata e, in caso contrario, di votare di nuovo. Cosa che sarebbe palesemente illegale.

Gli oppositori del presidente dicono che il magnate in realtà paventa l’accresciuta partecipazione innescata dal voto per posta: consapevole che difficilmente avrà la maggioranza dei suffragi, che però non conta per essere eletti, Trump è preoccupato che più gente vota meno facile gli sia conquistare la maggioranza dei Grandi Elettori, vincendo per manciate di suffragi gli Stati in bilico.

E’ un timore politicamente legittimo. Ma la democrazia statunitense, e non solo, non è minacciata dal voto per posta, ma dai cyber-attacchi e dai ‘voti’ di hacker e troll, che hanno loro agende e, soprattutto, loro ‘mandanti’ e ufficiali pagatori. L’ultimo allarme è stato lanciato dalla Microsoft: hacker russi, cinesi e iraniani stanno prendendo di mira centinaia di organizzazioni e persone coinvolte in Usa 2020, comprese le campagne di Donald Trump e di Joe Biden.

L’allarme della Microsoft segue quelli di altri giganti del web e dell’informatica e di social media come Facebook e Twitter, che hanno bonificato le loro liste di bizzeffe d’account ‘fake’ operativi sul fronte elettorale. Purtroppo, l’efficacia dell’azione di interdizione è diminuita dalle differenze d’approccio da azienda ad azienda, da social a social: più permissivo, almeno fino a un certo punto, Facebook; più rigoroso Twitter, che ha anche sventolato cartellini gialli al presidente Trump, molto disinvolto nel lanciare e soprattutto rilanciare messaggi scorretti o addirittura falsi.

Secondo il rapporto della Microsoft, l’unità dell’intelligence militare russa già autrice di interferenze del 2016 è tornata in azione, mettendo nel mirino collaboratori, consulenti e think tank associati sia ai democratici che ai repubblicani. Gli hacker del Gru fanno di tutto per nascondere le loro tracce, ricorrendo ad accorgimenti e tecnologie che rendono più difficile risalire all’ubicazione e all’identità degli incursori.

Gli hacker cinesi si sono invece concentrati sulla campagna di Biden, attaccando account privati dello staff del candidato democratico, fra cui accademici ed esponenti della sicurezza nazionale, inclusi gruppi come l’Atlantic Council e lo Stimson Center. Solo uno degli obiettivi dei pirati cinesi era legato al presidente Trump.

Il che pare smentire l’asserto che Putin vota Trump e Xi vota Biden. Nessun dubbio, invece, che l’Iran non voti per Trump. Ma, forse, Russia e Cina fanno come le grandi aziende americane che danno fondi a entrambe le campagne – non sai mai come va a finire! -.

Articolo precedentePremio Giornalistico Nazionale “Mimmo Ferrara” Quarta Edizione 2020
Articolo successivoNell’Eurozona le rinnovabili superano per la prima volta i combustibili fossili
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.