Pew Research Center: gli accessi Internet degli americani, dal 2000 al 2015, sono cresciuti, poche differenze fra razze e ceti sociali. La ricerca condotta evidenzia che Internet è diventato parte integrante della vita di tutti i giorni. L’84% degli americani è in Rete. Per le classi sociali più istruite e con reddito medio alto l’uso di Internet si avvicina alla saturazione (100%), stentano a raggiungere questo livello gli altri, che però continuano a migliorare. Gli anziani, anche se indietro, sono arrivati al 58% dell’accesso, siamo al 78% per la popolazione di colore, e all’81% degli ispanici. Per i bianchi si arriva all’85% ed al 97% per gli inglesi americani e gli asiatici.
Nonostante l’Agenda Digitale Italiana ed europea spinge l’economia della Rete l’Italia Vincenzo Vita ricorda (nell’articolo in basso) che “nella banda ultralarga il livello di copertura è del 36% a fronte del 68% della Unione Europea a 28. Solo il 4% dei nuclei familiari utilizza connessioni superiori a 30 Mega al secondo, contro il 26% dell’Ue-28”.
Come farà Netflix ad avere un mercato in questo contesto? Cavo e fibra sono necessari al matrimonio tra telefono, radio, televisione e dati, l’associazione TuttiMedia attraverso le pagine di Media Duemila lo spiega da vent’anni.
Vita pone la domanda: “Le onde hertziane o un’estensione della tecnologia Wi-fi possono sopperire?”
Lo studio pubblicato nel numero di Media Duemila di febbraio “Wi-Fi luci ed ombre nell’era della società iperconnessa” pone alcuni fondamentali elementi di riflessione. Francesco Vatalaro e Marco Vari, professori a Tor Vergata, spiegano nel dettaglio caratteristiche, limiti e possibilità di questa tecnologia.
I media piangono, le startup sono costrette ad emigrare per sopravvivere. Nel mondo cresce solo il numero della persone con reddito medio basso e l’Italia aspetta la sua banda larga in autunno, dice il Sottosegretario Giacomelli. Il ministro Franceschini parla del progetto cultura, un bando che serve all’Italia per crescere, ed allo stesso tempo afferma che in Italia non ci son imprenditori pronti a raccogliere le sfide. Forse la scuola dovrebbe fare qualcosa?

Articolo precedenteUe: roaming finalmente gratuito (ma dal 2017)
Articolo successivoSeconda edizione del Festival della Comunicazione: a Camogli, 10-13 settembre
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".