Il Manifesto di Ventotene digitale DiCultHer
Il Manifesto di Ventotene DiCultHer

Il Manifesto Ventotene Digitale, da condividere,  è la revisione del testo presentato nel 2017, quale contributo del network DiCultHer all’anno europeo del patrimonio culturale (2018). “Oggi si è resa necessaria la sua revisione  – afferma Carmine Marinucci di #Diculther  –  perché quel testo era fortemente orientato a contribuire all’anno europeo del 2018″.

La Conferenza sul Futuro dell’Europa, la velocità di cambiamenti in corso ne é effettivamente la base.  La revisione ha tenuto conto dell’anniversario degli ottanta anni dal Progetto “Per un’Europa libera e unita” di Spinelli-Rossi. Il Manifesto Ventotene Digitale è parte integrante della programmazione DiCultHer per l’a.s. 2021-22 https://www.diculther.it/programmazione-diculther-2021-2022/ e, come per tutte le azioni DiCultHer, anche nel caso del Manifesto Ventotene Digitale, è stato avviato un ampio processo di coinvolgimento di docenti e ragazzi delle Scuole. In particolare, sui temi del Manifesto è stata promosso una nuova Sfida https://www.diculther.it/sfida-8-leuropa-la-nuova-citta-del-sole/ di #HackCultura, l’Hackathon degli studenti per la “titolarità culturale” i cui risultati saranno presentati a Matera https://www.diculther.it/quarta-rassegna-online-dei-prodotti-realizzati-sui-temi-del-digital-cultural-heritage-dalle-scuole-italiane-raffaello-de-ruggieri/.

Intanto il sud è protagonista di questo neorinascimento.
Articolo precedentePiera Rossi #regista #scrittrice #donna di cultura e innovazione
Articolo successivo#Thunberg #BlaBla e il costo dell’arretratezza #Clima #Donne #Futuro
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.