Ho conosciuto Vincenzo Moretti alcuni anni fa.
A Torino gli avevo organizzato la presentazione di un suo libro strano, Enakapata, scritto insieme a Luca, suo figlio,  un docu-road-report-story nel quale viene sviluppato un filo rosso tra le modalità della ricerca e del problem solving tra Napoli e Tokio, due lembi del Mondo che sembrano tanto distanti da non potersi mai incontrare, come due rette parallele.
Per smentire questa visione Vincenzo ci infilò dentro quello che fa da sempre, testimonianze e storie di persone in carne ed ossa, con nomi e cognomi, testa, mani e cuore.
Testa, mani e cuore che ora sono le parole chiave del suo primo romanzo, storia che parte dalla bottega ed arriva ai campus ed alle factory, ma che a differenza di troppe storytyelling che circolano sulla questione del lavoro, al centro c’è la persona che usa la tecnologia e mai il contrario.

Un pensiero umanistico, e domestico, che fonda le sue origini nel rinascimento artigiano, nella sociologia sennetiana, ma soprattutto, come dice sempre Vincenzo, nell’alveo morettiano del proprio padre che un giorno gli spiegò la differenza tra il lavoro “preso di faccia” e il lavoro “a meglio a meglio”.
Le componenti della creazione, produzione e gestione del sè identitario sono sviluppate, appunto, con la testa, come creatività e sapere, le mani, come il saper fare e il cuore, il valore aggiunto personale per il proprio lavoro.
Valore che viene negoziato nel realizzare sempre qualcosa come se si dovesse dimostrare di essere il numero uno, ma non nello spirito del successo di fronte agli altri ma principalmente di fornte al proprio Io.
Di tutto questo ne abbiamo conversato insieme e ne riporto le traccie digitali.
[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]https://www.youtube.com/watch?v=s4NQ9vG0SPI[/youtube]
Il lavoro fatto col cuore – intervista a Vincenzo Moretti.
[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]https://www.youtube.com/watch?v=tnIS1TAcFuw[/youtube]
Il lavoro che crea senso – Vincenzo Moretti, il sensemaking che cambia l’Italia
[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]https://www.youtube.com/watch?v=T7dkNgXYIDc[/youtube]
il lavoro fertile – Vincenzo Moretti, rinascimento futuro e serendipità
[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]https://www.youtube.com/watch?v=C1WUrEx_mQQ[/youtube]
Il lavoro fatto bene – Vincenzo Moretti risponde ai giovani che pensano il futuro
Articolo precedenteLiberiamo olgettine e grillini dalle catene della sineddoche
Articolo successivoNumero 299
Giorgio Fontana
Torinese, classe 1957, si occupa di comunicazione e di social media. Attualmente è socio e project manager di Kelios SRL e di una nascente startup torinese di web tv. Nei suoi interessi permangono le tematiche antropologiche e umanistiche, declinate attorno all'innovazione tecnologica, interessi che condivide con i membri del gruppo di discussione da lui fondato, La scimmia nuda e Internet, divenuto ormai il punto di riferimento della cyberantropologia italiana in Facebook. Collabora dal 2011 con la rivista Media Duemila, su tematiche legate a social tv e social media.