WE – World Energy,”The name has changed, but we haven’t”.

Oil il trimestrale di Eni dopo dieci anni cambia direttore e nome. Auguri a Mario Sechi che prende il timone da Gianni Di Giovanni, ora a Washington presidente di Eni Petroleum Co Inc che lascia “una macchina usata, ma come nuova”. La rivista Eni è punto di riferimento per tutti coloro che vogliono guardare oltre. Mario Sechi, nel suo primo editoriale, scrive: “…Il mondo corre: velocità, massa, energia. We – World Energy lo racconta con uno scatto, un pausa, un salto in alto, un vibrante zig zag. Questa rivista è una torretta d’osservazione unica”
Big deals il titolo scelto per il numero del cambiamento: la rivista si può leggere qui:
https://www.eni.com/it_IT/azienda/fuel-cafe/we-magazine.page
o si può richiedere in edicola in abbonamento a Il Foglio.
Le M&A (http://www.ac-finance.it/site/ma-il-significato-di-questa-misteriosa-sigla/) che stanno ridisegnando il mondo, la mappa degli interessi economici e strategici. Questo è WE.
La sfida dell’Egitto che vuole raggiungere l’autosufficienza energetica nel 2018 è raccontata in un intervista esclusiva di Tarek El Molla, ministro dell’Energia e delle Risorse Minerarie, è un articolo che consiglio a tutti. Un esempio anche per lo sviluppo sostenibile della nostra Italia.

WE Worl Energy

Articolo precedentePatrocinio FIEG a convegno di Ossigeno per l’informazione
Articolo successivoThe line a new advertising zone – 9 novembre Milano
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.