Perché parlare di Wi-Fi? Perché sono stati raggiunti nell’anno 2013 un totale di 6,5 milioni di hotspot e nello stesso anno in tutto il mondo attraverso il Wi-Fi si è aggiunto il 22% della capacità di traffico wireless. Nonostante il successo del 3G e del 4G nei servizi mobili di trasmissione, il numero di hotspot Wi-Fi ha continuato a proliferare: superati i 7 milioni nel 2014 si prevede che raggiungerà 10,5 milioni nel 2018. Questi dati si riferiscono soltanto agli hotspot Wi-Fi resi disponibili da operatori di rete fissa e mobile e dai WISP (Wireless Internet Service Provider). Il totale mondiale di hotspot Wi-Fi di tipo carrier-grade è distribuito per l’88% in Estremo Oriente, per un 8% in Europa, un 3% in Nord America e per il residuo 1% altrove. Questi dati sono riportati nello studio: “Wi-Fi: nuova era tra falsi miti e reali opportunità” di Francesco Vatalaro (Professore Ordinario di Telecomunicazioni Facoltà di Ingegneria Tor Vergata) e Marco Vari (Ricercatore Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa Tor Vergata). Come dice Derrick de Kerckhove: “Sono un evangelista del Wi-Fi e l’Italia non può restare indietro a guardare gli altri paesi che crescono…”. Con la nostra tavola rotonda: Wi-Fi luci ed ombre nell’era della società iperconnessa (20 marzo dalle 9:00 alle 13:30 Tor Vergata – Aula Leonardo – Via del Politecnico, 1) vogliamo proporre soluzioni, argomentazioni concrete, alimentare la discussione su questa tecnologia.

Articolo precedenteWi-Fi luci ed ombre nell’era della società iperconnessa, venerdì 20 marzo a Tor Vergata
Articolo successivoTwitter e jihad. La comunicazione dell’ISIS
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.