YouTube TV: il  servizio di abbonamento a Internet TV di Google, è stato lanciato in USA. Ben Popper un blogger americano molto seguito ha fornito alcune interessanti anticipazioni. Iniziamo dal  costo: $ 35 al mese, ma attenzione: se ti abboni da iPhone o iPad  la fattura mensile è più costosa.
Da  iTunes Store il prezzo mensile della YouTube TV salta a $ 39.99 (più tasse).

La video registrazione digitale (DVR) sembra promettente perchè non c’è un limite, e le registrazioni possono essere conservate fino a nove mesi. Attualmente è disponibile a Chicago, Los Angeles, New York City e periferia circostante, Philadelphia, San Francisco Bay Area. La Live TV dalle principali emittenti (ABC, CBS, Fox e NBC) è una parte importante di YouTube TV.

Secondo Kelly Merryman, VP of content partnership dei contenuti di YouTube, molti ritengono che viviamo l’età d’oro della programmazione TV,  ma bisogna considerare che nonostante le persone di tutte le età amano la TV,  quando parliamo di gente con età compresa tra 18 e 34 anni ci troviamo di fronte ad un pubblico che non è contento dei canali tradizionali.

Anche in questo campo Internet è la nuova sfida.

Articolo precedenteFact-Checking Day – Germania legge anti-fake news
Articolo successivoWeb labirinto dietro ogni svolta una minaccia
Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Membro del comitato direttivo degli Stati Generali dell'Innovazione. Da gennaio 2015 è Digital Champion del comune di Vico Equense.