alt=
alt= "Moses Znaimer"

Il tycoon dell’editoria anglocanadese divide il mondo fra newlywed e nearly dead (‘sposi novelli’ e ‘vicini alla dipartita’) e fa utili con la comunità più ampia – dice Moses Znaimer a Media Duemila.

“Vedo un mondo diviso in due: giovani famiglie poco numerose, da un lato e una folla di persone anziane, dall’altro.

Il potere politico ed economico si concentra su chi ha più soldi e tempo. Il mio interesse è focalizzato sull’enorme potere di questa massa demografica d’età avanzata, che arriverà ad avere sempre più forza anche e soprattutto nel mondo della politica – continua.

Oggi i nonni comprano giocattoli perché hanno maggiori disponibilità economiche, più tempo e vogliono guadagnare la simpatia dei nipoti…

In ogni caso sono loro quelli che spendono di più, in assicurazioni, macchine., televisioni etc…
Il potere dei 50enni cresce sempre di più, ecco perché ho dedicato il mio impero a loro e, a oggi, la mia gang copre il 40 % di questa comunità anglo – canadese.

Adesso che il tempo della pensione dura di più di quello dedicato al lavoro, sono in pochi a ragionare su questo cambiamento fondamentale e sulle ricadute sociali ed economiche.
Secondo me, la comunità conta e quindi mi rivolgo a quella più numerosa e con maggiore potere di acquisto. Sono anche certo che il mondo editoriale e quello delle fondazioni cammineranno insieme e dovranno sostenersi a vicenda – conclude Moses Znaimer -”.

Articolo precedenteICT per i media: Interazione Contenuto Tutela. L’Osservatorio TuttiMedia lancia il dibattito internazionale sul mondo dell’editoria al premio Nostalgia di Futuro 2015
Articolo successivoNostalgia di Futuro vincitori: a ENI premio Innovare nella Comunicazione
Maria Pia Rossignaud
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. II presidente Sergio Mattarella la ha insignita dell'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Insignita dal presidente Mattarella dell'onorificenza di "Cavaliere al Merito della repubblica Italiana. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista Mobile Century e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.